Strumenti innovativi per una formazione più efficace

Scadenza: 30/09/2019 20:00:00 CET
Gli eventi formativi e le competenze trasversali stanno acquisendo un ruolo centrale per gli addetti al settore business e attirano anche coloro che, a vario titolo, hanno un interesse personale rispetto a questa tipologia di esperienza. In questo ambito l’aula si conferma la metodologia didattica più utilizzata, mentre guadagnano posizioni la formazione on the job e il coaching. Tuttavia, sta emergendo l’esigenza di garantire continuità all’apprendimento delle competenze trasversali anche al di fuori del singolo evento o attività formativa in aula. Si richiede quindi una maggiore qualità nella fase di follow-up per massimizzare quanto appreso in sede formativa. A tal fine possono essere sviluppati prodotti, processi e servizi innovativi e complementari, per personalizzare e rendere più efficace l’apprendimento successivo agli eventi formativi. L’obiettivo è realizzare un’esperienza formativa che coinvolga attivamente il cliente, spingendolo a divenire protagonista della community virtuale e fisica degli utenti che partecipano agli eventi.

Descrizione

Gli eventi formativi e le competenze trasversali per gli addetti al settore business, che siano manager di organizzazioni già affermate sul mercato, rappresentanti di start up oppure liberi professionisti nell’esercizio della propria attività, stanno progressivamente acquisendo un ruolo centrale nelle strategie di azienda. Al tempo stesso le iniziative dirette a sviluppare le competenze trasversali attirano anche coloro che, a vario titolo, come studenti, sono interessati a questa tipologia di esperienza. Gli eventi e formativi e le attività correlate mirano a potenziare competenze trasversali come negoziazione e vendite, leadership, marketing, strategia e sviluppo personale. A tal fine si ricorre a metodi talvolta non sufficientemente innovativi oppure non rispondenti alle esigenze del cliente. Infatti, una delle principali difficoltà riscontrate nella programmazione, organizzazione e svolgimento degli eventi formativi per professionisti, consiste nel migliorare il rapporto con il cliente e sviluppare una fidelizzazione coinvolgente ed attiva. Si intende quindi potenziare l’esperienza del singolo utente, introducendo prodotti, processi, servizi, che siano in grado di personalizzare e rendere più efficace il follow-up degli eventi formativi.  

Obiettivo

Il miglioramento delle competenze professionali e manageriali è una priorità delle aziende allo scopo di sviluppare il capitale umano, consolidare e generare nuovi vantaggi competitivi che si fondano sul know how e sull’apertura internazionale. La necessità di gestione del cambiamento impatta sempre di più sulla capacità della formazione di agire come leva di business. In tale ambito sono frequenti progetti integrati in cui collaborano tra loro responsabili di business, HR manager, responsabili della formazione, scuole di management e società di consulenza. Le ultime indagini e gli operatori del settore evidenziano che la formazione manageriale è in ripresa. Una recente indagine condotta dall’Osservatorio Manageriale Manageritalia tra 770 manager ha mostrato che le competenze più significative per i manager di oggi sono la gestione, lo sviluppo e la valutazione delle persone e la capacità di gestire costi e budget. In base ai risultati delle interviste, particolare attenzione meritano la leadership, la negoziazione e la visione strategia. Emerge in generale l’esigenza di un nuovo approccio pratico alle strategie di marketing, negoziazione, persuasione e leadership che guarda a quelle tecniche più innovative ed efficaci per acquisire nuovi clienti e promuovere i prodotti.  

Innovazione

Allo scopo di garantire continuità all’apprendimento delle competenze trasversali anche al di fuori del singolo evento o attività formativa per professionisti, sono richiesti prodotti, processi, servizi complementari di due tipologie. Da un lato, il cliente dovrebbe essere attivamente coinvolto in esercitazioni periodiche sulle conoscenze, competenze e capacità acquisite in occasione degli eventi di formazione. Dall’altro lato, il follow-up delle attività frontali dovrebbe offrire all’utente strumenti e soluzioni creative per la misurazione della propria performance. Questi strumenti potrebbero prevedere livelli di difficoltà crescente e mettere in contatto i clienti che hanno partecipato al medesimo evento/corso formativo. In questo modo si favorirebbero il senso di appartenenza ad una comunità virtuale/fisica, la condivisione/confronto tra le esperienze degli utenti e la spinta a migliorare la performance individuale e quella di gruppo.